Tu sei qui

VIVA ARGENTINA, VIVA ITALIA, VIVA FRIULI

StampaSalva .pdf

VIVA ARGENTINA, VIVA ITALIA, VIVA FRIULI

Questo è lo slogan ricorrente a Colonia Caroya, a testimoniare la vicinanza e la fratellanza tra la nostra regione e l’Argentina.

Nell’ambito del progetto “Storia e memorie” afferente alla Rete Fri.Sa.Li. World, tre studenti del nostro istituto, Gioele Bianco (5^AERA), Alessandro Deganutti (5^LSMA), Manuel Rozzino (5^ELIA), accompagnati dalla professoressa Antonella Bini, hanno partecipato al viaggio studio/ricerca a Colonia Caroya (Cordoba - Argentina) dove hanno soggiornato dal 25 settembre all’ 11 ottobre.

Colonia Caroya, dunque, assolata e alberata cittadina della provincia di Cordoba, ha accolto gli studenti del Malignani, che hanno svolto una ricerca sull’emigrazione dei nostri antenati in terra argentina.

Ecco la loro testimonianza:

“Abbiamo trovato una comunità unita, calorosa, ospitale e generosa, ben memore dei sacrifici dei loro antenati, grata di quanto è loro rimasto della tradizione friulana ed orgogliosa di essere discendente di un popolo laborioso e tenace. Il ben nutrito programma ci ha visti impegnati nelle lezioni presso la scuola secondaria PROA di Colonia Caroya, nelle visite a “bodegas” produttrici di ottimo vino, salumifici, “fincas”, tutti gestiti da friulani che ci hanno accolto a braccia aperte, ben contenti di mostrarci i loro vigneti e frutteti, dove abbiamo ammirato i vecchi attrezzi dei loro bisnonni. Assai interessanti si sono rivelate le escursioni alle “estancias” gesuitiche, alla biblioteca e all’archivio di Colonia Caroya. Non possiamo dimenticare l’ottimo cibo, l’”asado”, il delizioso salame di Colonia Caroya, famoso in tutta l’Argentina, la polenta bianca, il vino e la grappa che ci ricordano il nostro Friuli.  Le interviste ai nostri friulani, Antonio, che ci ha intrattenuti due ore, ben felice di conversare in friulano, Gerardo, che ci ha mostrato con orgoglio la sua bottega tipica, piena di ricordi dei suoi antenati, Analia con il suo meraviglioso agriturismo Chacra de Luna, ci hanno portato indietro ai tempi lontani della prima migrazione del 1878, con memorie così vivide da sembrare attuali.

Un ringraziamento particolare a tutte le famiglie ospitanti, così accoglienti ed affettuose, al Presidente del Centro Friulano di Colonia Caroya Luis Grion e ai suoi validissimi collaboratori Nahel e Augustina, sempre pronti ad aiutarci, collaborativi ed efficienti, al direttore e al personale docente della scuola PROA per averci fatto sentire a casa, a tutti coloro che ci hanno accolto, la console italiana di Cordoba, il Ministro dell’Educazione della provincia , il personale della scuola tecnica, della biblioteca e dell’archivio di Colonia Caroya.

Colonia Caroya, un pezzo di Friuli in terre lontane, rimarrai sempre nei nostri cuori, non ti dimenticheremo mai”.

Giole Bianco 5^AER A

Alessandro Deganutti 5^LSMA A

Manuel Rozzino 5^ELI A

Antonella Bini docente accompagnatrice

Contenuto in: