Tu sei qui

Leadership al futuro: partenza!

StampaSalva .pdf

Mercoledì 15 novembre, nella Sala Riunioni ha preso avvio il progetto “Leadership al futuro”, realizzato con il sostegno finanziario della Fondazione Friuli e con la collaborazione dell'Università della Terza Età di Udine “Paolo Naliato”, del Collegio del Mondo Unito di Duino, delle Università di Udine e di Trieste.

Si tratta di progetto di ricerca e formazione rivolto a trenta studentesse delle scuole secondarie di secondo grado di Udine, che intende sia sviluppare il processo personale di consapevolezza delle proprie capacità finalizzato a sostenere l’elaborazione di un autonomo progetto di vita, sia intervenire con una prospettiva nuova sulle tematiche sociali più urgenti.

Dopo i saluti istituzionali del Dirigente scolastico professor Oliviero Barbieri, del presidente della Fondazione Friuli, dottor Giuseppe Morandini, della presidente dell'Università della Terza Età, professoressa Maria Letizia Burtolo, dell'assessora alle Politiche Giovanili, dottoressa Arianna Facchini, del DIrigente scolastico del Liceo Marinelli, Stefano Stefanel, della dottoressa Anna Cragnolini, la professoressa Rosalba Perini ha illustrato il progetto dando il via ai lavori.

Il primo intervento, della dottoressa Lucia Beltramini, ha avuto come titolo “Leadership femminile e Gender Gap nel mondo del Lavoro”. A seguire l'intervento del professor Italo Fiorin della LUMSA di Roma, Presidente della Scuola di Alta Formazione EIS, direttore scientifico di un programma internazionale della Fondazione Pontificia “Scholas Occurentes”. Il professore ha dato un interessante contributo sul tema “Leadership femminile e Service Learning”.

Le studentesse hanno quindi preso parte a un laboratorio condotto dalla dottoressa Chiara Cristini dell'IRES FVG sul linguaggio e sugli obiettivi del sondaggio che rappresenterà uno dei prodotti finali del progetto.

L'attenzione dell'intero percorso è infatti focalizzata su un problema centrale: come sostenere l’occupazione femminile e il “successo personale e professionale” in tutti i settori, garantendo, nel contempo, la libertà di scelta sulla maternità/natalità, al fine di invertire il trend demografico negativo.

Si tratta di un percorso di ricerca-azione, - conoscenza, indagine, analisi - finalizzato all’elaborazione di un piano concreto e credibile di proposte, che coinvolge un campione significativo di giovani studenti/studentesse su una problematica di particolare urgenza: la crisi demografica in Italia e le concrete misure di sostegno alla maternità e all’occupazione femminile.

Il progetto di ricerca rappresenta il primo esempio in Italia di ricerca multimetodo che coinvolge una fascia di popolazione giovanile (17/18/19 anni) ancora non direttamente coinvolta nella questione lavorativa, una fascia “opaca o invisibile” nel panorama sociale, ma in grado di determinare in futuro il graduale cambiamento culturale e di generare un impatto positivo su occupazione femminile e natalità, contribuendo alla crescita del nostro Paese.

Le scuole coinvolte sono l'I.S.I.S. Arturo Malignani (scuola capofila), il Liceo Scientifico Giovanni Marinelli, il Liceo Nicolò Copernico, il Liceo Caterina Percoto e l'Educandato Statale Uccellis.

Il progetto si sviluppa nell'arco di sei incontri da novembre 2023 ad aprile 2024 e vedrà le trenta studentesse attive in laboratori e incontri con esperti.

Le studentesse coinvolte della nostra scuola sono:

Elisa Colautti  – 3^AER A
Alisia Mini  – 5^AER A
Luna Hermina Peressutti  – 4^LSM A
Emily Rigutto  – 4^CBA A
Anna Tonello  – 3^AER A
Gaia Zacchigna – 3^AER C

Il/le docenti coinvolti: Angela Maria Arboritanza, Cristina De Zorzi, Cecilia Rizzotti, Eva Pantanali, Fausto Senatore, Sara Ciganotto e Antonella Favaro.

 

 

 

Contenuto in: