Tu sei qui

Incontro con la DIA – Direzione Investigativa Antimafia-

StampaSalva .pdf
Sedi: 

Mercoledì 27 marzo le classi 3^ AER A, 3^ AER B e 3^ AER C hanno incontrato il Responsabile della DIA - Direzione Investigativa Antimafia - di Trieste, Tenente Colonnello Luca Petrocchi e il suo collaboratore Mario Melito, in un evento programmato nell’ambito del progetto di rete “Il piacere della legalità? Mondi a confronto”.

Il Tenente Colonnello Luca Petrocchi ha illustrato agli studenti e alle studentesse che la DIA, fortemente voluta da Giovanni Falcone, è stata istituita nel 1991 in seno al Dipartimento di Pubblica Sicurezza e costituisce un corpo investigativo interforze con il compito di rafforzare la risposta delle Istituzioni al fenomeno mafioso per contrastarlo più efficacemente.

L’intervento del Tenente Colonnello si è quindi focalizzato sui settori di maggiore interesse delle mafie di oggi, in particolare sul traffico delle sostanze stupefacenti.

Numerosissime le domande che studenti e studentesse hanno posto al relatore, dimostrando partecipazione attiva e grande interesse per le tematiche affrontate.

“L’incontro è stato molto interessante dal punto di vista delle competenze civiche e utile per capire cosa fa la DIA e come essa opera per contrastare la criminalità organizzata. Spero in altri incontri con i membri della DIA per continuare a discutere su temi che riguardano noi giovani.” Alessandro 3 AERB

“Ho potuto approfondire un tema che mi ha sempre interessato, ovvero la mafia/criminalità organizzata. Ho trovato molto interessante l’intervento sui traffici di sostanze stupefacenti e il grande lavoro e studio che sta alla base di un’operazione di contrasto alla criminalità da parte delle Forze dell’ordine.” Gabriele 3 AERB

“L’incontro con la DIA è stato molto interessante, innanzitutto perché trovo che siano argomenti di cui si dovrebbe discutere di più con i ragazzi. Sono realtà che spesso non conosciamo quanto dovremmo.. Ho apprezzato molto che ci sia stata opportunità di dialogo permettendo a chiunque di chiarire eventuali dubbi.” Filippo 3 AERB

“Ho trovato l’incontro con la DIA molto interessante e utile per capire concetti e meccanismi che spesso, soprattutto a noi giovani, sono sconosciuti. Ho apprezzato molto anche la libertà che ci è stata data nel porre qualsiasi domanda ci venisse in mente, così da poter chiarire qualsiasi nostra perplessità.” Luca 3 AERB

“Ho trovato particolarmente interessante la parte in cui si è discusso dei rischi connessi alla visione di film o contenuti multimediali su siti illegali, perché è un argomento di cui si parla poco e che i giovani dovrebbero conoscere di più. Spero di poter continuare questa attività con ulteriori incontri futuri per affrontare anche altri argomenti” Andrea 3 AERB

“L’incontro con la DIA mi ha fatto riflettere sulla complessità e gravità delle attività criminali che sono combattute con determinazione da questo corpo. Ho potuto apprezzare il grande impegno e la professionalità degli agenti che lavorano per contrastare la criminalità organizzata e proteggere la legalità nel nostro Paese. E’ stato un incontro che mi ha fatto capire ancora di più l’importanza della collaborazione tra le Istituzioni e i cittadini per contrastare efficacemente fenomeni criminali così pericolosi per la nostra società”. Francesco 3 AERC

“Questo incontro con la DIA, nell’ambito dei percorsi di legalità, è stato molto interessante a livello di contenuti che il relatore ha saputo trasmettere e spiegare a noi studenti in modo molto efficace e comprensibile e relativi a argomenti che avevamo magari sentito di sfuggita durante i telegiornali o letto su Internet. Ciascuno degli argomenti trattati è stato spiegato bene con grande professionalità facendoci comprendere il grande lavoro delle Forze dell’ordine per contrastare la criminalità organizzata”. Filippo 3 AERC

 

“Mi è piaciuto molto l’incontro con la DIA. Ho avuto la possibilità di imparare a capire tante cose nuove. La conferenza mi ha permesso di capire i pericoli che ci circondano e che a volte sottovalutiamo. Tante volte infatti consideriamo la mafia come qualcosa di estraneo e lontano da noi, quando spesso non è così.

È stato molto interessante capire il funzionamento delle organizzazioni mafiose e come la DIA agisce per contrastarle. L’idea di unire le forze da parte di Falcone ha permesso di iniziare una lotta organizzata contro la mafia che continua a dare i suoi frutti come spiegato dai relatori”. Lorenzo 3 AER A

Contenuto in: