Tu sei qui

il Malignani, a sorpresa, si laurea campione provinciale di pallavolo maschile

StampaSalva .pdf
Sedi: 

Ancora vincenti contro ogni pronostico! I giovanissimi pallavolisti della nostra scuola hanno sorpreso gli agguerriti avversari del Liceo Copernico di Udine e dell’ISIS Magrini Marchetti di Gemona che -molto sicuri della previsione che fosse una sfida tra loro- si sono fatti superare dall’avversario meno quotato: NOI MALIGNANI.

La gara contro il Liceo Copernico è iniziata decisamente in salita. I “Maligni”, annebbiati dall’emozione, non riuscivano a realizzare il loro tipico gioco -caratterizzato da ricezione precisa e attacchi potenti- e incappavano in una serie di banali errori che permettevano all’avversario di volare avanti senza fatica.

Prof. Savonitto, vista la “mala partita”, sul 16 a 8 per l’avversario, decide di operare una serie di cambi per permettere ai nostri atleti di ritrovare la necessaria lucidità mentale. Giona Blasizza sostituisce Bignulini, Medeot entra su Galioto, Rosi palleggia al posto di Specogna, Capone esce dopo la battuta e il libero Zampa riceve e difende al suo posto.

Rimangono in campo -della formazione titolare- solo capitan Medves e il centrale Pietro Poiana, che “messo in gioco”, su input della prof. Picotti, dall’infortunio occorso a Marzo a Virdis, disputa un match impeccabile e si rivela l’asso nella manica della nuova formazione: con una serie di battute precise e insidiose da inizio al recupero dei “Maligni” che punto a punto si avvicinano all’avversario. Il Copernico, visti tutti i cambi realizzati da prof. Savonitto -che avrebbero consentito alla squadra del Malignani di giocare gli eventuali due set successivi senza vincoli- cerca a sua volta di anticipare la situazione e cambia tre giocatori.

Prof. Savonitto, – dopo un “predicozzo totale” e una scossa a pieni volt agli emotivi talenti della nostra scuola- ribalta nuovamente la partita: rimette in campo Bignulini, Galioto, Specogna, Capone. Il Malignani ora -esauriti tutti i cambi e time-out a disposizione- può contare solo sul ritrovato spirito combattivo dei propri giocatori, sul sostegno emotivo degli atleti che non possono più scendere in campo (Contardo Alessandro, Copetti Gabriele, Vicario Nicola, Virdis Gabriele) e delle due Prof che si sbracciano e danno indicazioni. Incredibilmente, in mezzo agli applausi del pubblico presente, i “Maligni” recuperano punto su punto e nonostante l’avversario sia già a quota 24 continuano a combattere, raggiungono il Copernico e lo superano. Il set si conclude 26 a 24 per il nostro Istituto, tra lo stupore di tutti, compresi Noi.

Il secondo set è disputato interamente dai titolari che, esaltati dall’immaginabile recupero, giocano sbagliando pochissimo e concludono la gara con un 25 a 23 che chiude l’incontro sul due a zero per il Malignani. Il primo step è superato, ora ci aspetta il Magrini che dispone di atleti di età superiore ai nostri e nel frattempo si è riposato. I “Maligni” si ristorano un po’, ma la breve pausa di 20 minuti tra le gare non consente un vero recupero.

Il primo set Magrini-Malignani è combattuto punto su punto con belle giocate di entrambe le squadre. Il Malignani in prima linea cerca di nascondere il palleggiatore Specogna -punto debole a muro- spostandolo da zona 2 a zona 4, di modo da confondere il forte attaccante avversario Patat che cerca sempre di schiacciare sopra di lui. Lo scambio a muro Bignulini-Specogna da i suoi frutti e i “Maligni” rimangono sempre due punti avanti al Magrini. Blasizza sostituisce Galioto, per farlo respirare un attimo, e il set si conclude 25 a 23 per Noi. Il secondo set è il più semplice fra tutti quelli disputati, Malignani sempre avanti.  

Gabriele Medeot entra su Poiana e fa un punto a muro, l’avversario un po’ alla volta cede e il punteggio 25 a 15 per Noi dice tutto. Un altro due a zero che ci laurea campioni provinciali di pallavolo! Top Scorer delle finali provinciali Tommaso Bignulini e Giacomo Galioto che con 14 punti ciascuno e la costanza e precisione in ricezione e battuta costituiscono l’asse portante della squadra, seguiti da capitan Riccardo Medves e Sebastiano Capone -11 punti ciascuno ed entrambi determinanti nelle loro serie di battute- e da Pietro Poiana, 7 punti e 18 battute positive.

Da sottolineare infine la prestazione di Gabriele Rosi che entrato nell’ultimo set al posto del palleggiatore Massimo Specogna per alzare il muro, ha saputo imprimere un’accelerazione alla squadra, realizzando 2 aces in battuta che hanno vinto l’ultima resistenza psicologica dell’avversario.

Premiazioni con Medaglia d’oro del Ministero dell’Istruzione e del Merito competizioni Sportive e Scolastiche. Ora inizieremo ad allenarci per le finali regionali a Trieste in programma il 17 maggio.

Ci manca solo il lieto fine, intanto però quanto ci siamo divertiti e divertite il 22 aprile, sorridenti e sornioni guardiamo avanti.

 

Contenuto in: