HUMAN FACTOR: i soft skills che fanno la differenza