Tu sei qui

Visita guidata in inglese alla FREUD BOSCH

StampaSalva .pdf
Sedi: 

Le classi 3^ AUT A, 3^ ELI B e 4^ ELT A, accompagnati dalla docente di inglese, prof.ssa Liva Barbara, e dai proff. Giuseppe Tudisco e Denis Deimichei, si sono recentemente recate nello stabilimento della FREUD BOSCH di Fagagna, nei pressi di Udine, ditta leader mondiale nella produzione di strumenti di taglio, per partecipare ad una visita guidata in lingua inglese del complesso industriale.

I ragazzi sono stati divisi in tre gruppi e, scaglionati di 10 minuti l’uno dall’altro per evitare accavallamenti nella spiegazione, sono stati accompagnati da Mario, Francesco e Alessandro in una coinvolgente e interessante visita all’interno dell’enorme capannone.

Gli studenti, tutti molto interessati e partecipi, hanno avuto modo non solo di conoscere da vicino le diverse fasi che caratterizzano la produzione delle famose lame circolari, soprattutto il fiore all’occhiello della FREUD, la lama rosso fiammante “DIABLO”, ma anche di avere un primo approccio con la terminologia inglese specifica del settore tecnico, punto di partenza di un percorso per noi allievi che caratterizzerà tutto il triennio e che comprenderà l’esposizione fluente e articolata di vari argomenti di natura tecnica in inglese, culminanti nella presentazione finale all’Esame Conclusivo di Stato.

Le varie “stazioni” comprendevano il taglio delle sagome delle seghe circolari dalla lamiera che arriva alla fabbrica dai suoi fornitori, tramite il taglio al laser, l’aggiunta di speciali denti in carburo per un taglio più efficace, l’affilatura effettuata sempre tramite macchine automatiche, la lucidatura delle lame e, infine, la marchiatura e l’imballaggio della lama nel suo packaging per la spedizione.

In un mondo dominato dall’automazione dei macchinari, interessante è stata, nella fase dell’imballaggio, la presenza umana, legata a ragioni di precisione e riconoscimento di eventuali errori commessi nei passaggi precedenti, che i macchinari anche più sofisticati non sarebbero in grado di individuare.

La visita rientra nelle varie attività legate al percorso di Alternanza Scuola Lavoro, a cui l’indirizzo di Elettronica Elettrotecnica ed Automazione presta da sempre una particolare attenzione, organizzando costantemente visite, seminari, incontri o partecipando a concorsi nazionali e internazionali legati al mondo del lavoro, tutte attività che ci aiutano ad avere le idee più chiare quando dovremo poi decidere il nostro percorso lavorativo.

Ringraziamo innanzitutto la ditta FREUD BOSCH che anche quest’anno ha aperto le porte all’ISISI “A. Malignani” e ci ha permesso così di conoscere da vicino la loro complessa ed importante realtà, in particolare l’Ing. Attilio Guatterini e la Sig.ra Angela Batistigh che con il loro entusiasmo e la loro apertura al mondo dei giovani, sono riusciti anche questa volta a trasmetterci non solo conoscenze ma soprattutto la passione per il loro lavoro, ingrediente fondamentale per intraprendere qualsiasi percorso lavorativo.

Grazie anche agli Ing. Mario Cero, Francesco Pasquon e Alessandro Cagnato, per averci guidati esponendo gli argomenti in un ottimo e fluente inglese, facendoci capire così l’importanza che la buona conoscenza di una lingua straniera, soprattutto l’inglese, riveste nella società di oggi. Li ringraziamo anche per averci regalato a fine visita un bellissimo gadget a ricordo dell’evento, un portachiavi a forma di lama rotante.

Last but not least, un ringraziamento va anche ai nostri docenti che hanno organizzato la visita e ci hanno accompagnato in questa avventura!

Ed ora un assaggio delle nostre competenze in inglese:

On Tuesday 9th January 2018 classes 4^ AUT A/ELIB and 4^ ELT A, went on a school trip to Freud Bosch in Fagagna, near Udine. Freud Bosch is a company that produces circular saws. The process to create a circular saw is quite difficult and there is a lot of automation. First of all there is a robotic arm that puts sheets of metal into another machine that cuts the shape of the blades. Then there are other automatic machines that improve the quality of the first cut and assemble other parts of the blades, such as little cuts or engravings that allow the blade not to vibrate too much or to dispense the heat. After all the steps of blade shaping, there are other machines which paint them in different colours like blue, red or black, depending on their function and on the country where they are distpatched. Besides, there is another step where the blades are printed with the factory logo. The last step is the packaging, where a woman puts the blades in some boxes to send them to other factories or to other shops.

Gli studenti delle classi 3^ AUT A/ELI B e 4^ ELT A

Contenuto in: