Tu sei qui

Immaginare il FUTURO tra poliziotti robot e matrimoni a tempo con Impactscool

StampaSalva .pdf
Sedi: 

Sono stati proiettati prima nel 2028 poi nel 2055, tra chip nel cervello, robot poliziotto e matrimoni a tempo determinato, e si sono messi alla prova costruendo, in pochi minuti, argomentazioni contro e a favore per ogni singolo scenario. Poi è arrivato il momento della sfida sul palco, per mostrare a tutti la loro visione del futuro. Una quarantina di ragazzi di quinta del Malignani, indirizzo “Trasporti e Logistica-Aeronautica”, hanno preso parte nella mattina di ieri a un debate tech, workshop che utilizza il format del dibattito quale strumento di approfondimento e discussione sul tema delle tecnologie emergenti, dette esponenziali. 

A idearlo, Impactscool, organizzazione nata alla fine del 2016 con l’obiettivo di creare una maggiore consapevolezza sugli impatti di queste tecnologie nella società - in questo caso nelle scuole - e portare una riflessione più strutturata sul futuro. «Proponiamo un metodo didattico innovativo, che ha lo scopo di fornire gli strumenti utili a comprendere il presente e ad acquisire le competenze necessarie ad affrontare i cambiamenti in atto con consapevolezza e flessibilità», spiega Riccardo Dell’Anna, referente di Impactscool. Così, dopo la presentazione del progetto, i ragazzi hanno cominciato a lavorare sui diversi scenari. C’è, ad esempio, il robot poliziotto, efficientissimo grazie al software di riconoscimento delle emozioni, che arresta un uomo di 45 anni perché secondo lui stava per colpire con una bottiglia di vetroresina la sua ragazza. Ma si tratta di un errore: i due erano semplici attori che stavano recitando. «Abbiamo chiesto di elaborare la posizione contro e quella a favore rispetto a questo sistema – afferma ancora Riccardo –. I ragazzi hanno considerato ogni aspetto della questione e poi due di loro sono stati scelti per svelare le opinioni raccolte». 

Lo stesso è successo per il sistema “Timer”. Gli studenti viaggiano nel tempo e finiscono nel 2055, quando l’età media della popolazione è diventata di 365 anni grazie agli avanzamenti nel campo della genetica e dell’intelligenza artificiale. «Avanzamenti che però sono accessibili solo alle persone più abbienti – aggiunge il referente di Impactscool –. È stata quindi presentata una nuova formula per i matrimoni che saranno a tempo determinato: ognuno potrà scegliere tra 25, 50, 75 anni di durata, il divorzio diventa automatico senza costi, né avvocati». 

L’iniziativa, arrivata al Malignani come progetto pilota, intende raggiungere ora anche altri istituti friulani. «Sono davvero stupito dall’impegno dei ragazzi, che lavorato in modo davvero approfondito», conclude Riccardo non prima di lasciarsi andare ad un momento "Amarcord" ricordando il 2009, assieme ai suoi docenti, quand'era allievo della quinta AER A.

Margherita Terasso.

 

 

Contenuto in: