Tu sei qui

Il Malignani si rinnova: visita al cantiere

StampaSalva .pdf

Era l'ottobre 1966 quando il Malignani veniva inaugurato nella sua nuova e attuale sede di via Leonardo da Vinci. Ed era passato già un secolo dal 1866, anno in cui era nata la scuola che poi, attraverso varie trasformazioni, sarebbe stata intitolata ad Arturo Malignani.

La scuola negli anni crebbe moltissimo, i suoi spazi di via Manzoni (dove attualmente ha sede l’Istituto Ceconi) diventarono insufficienti e si pensò alla costruzione di un nuovo edificio. Così venne indetta una gara, vinta da un gruppo di architetti composto da Renzo Agosto, Emilio Mattioni, Roberto Panelli, Enzo Pascolo per la progettazione e poi l'esecuzione dei lavori. Era il 1958. Nel 1966 l’edificio era pronto. Un edificio moderno, luminoso che ha accolto decine di migliaia di studenti nel corso degli anni.

E arriviamo ad oggi, al 2021. Nel mese di luglio sono iniziati i lavori di adeguamento sismico che stanno interessando l’intera ala C dell’istituto. Si tratta di lavori strutturali, che ci restituiranno nel dicembre 2022 una parte di scuola nuovissima. Seguirà poi la ristrutturazione del resto dell’edificio.

Questi importanti lavori sono anche l’occasione, per gli studenti di Costruzioni Ambiente e Territorio, di effettuare visite nel cantiere.

La sezione CAT ha infatti effettuato varie visite nei cantieri che operano in prossimità dell'Istituto Malignani. Si tratta di importanti contatti con le realtà produttive nel campo dell'edilizia e di incontri in cantiere con le professionalità che ivi operano con vari gradi di responsabilità.

Dopo la 5^ CAT impegnata già da fine giugno nelle visite di studio del cantiere dell'impresa EdilDri, in via Galilei, sotto la guida del geom. Carlo Collinassi insegnante “sul campo” per un edificio di abitazione civile, è sto poi il turno di un'altra classe del triennio CAT.

Nel rispetto del regolamento anti Covid, gli studenti della 4^ CAT il 27 ottobre scorso hanno avuto l'opportunità di accedere al cantiere dell'ala C del Malignani per vedere da vicino le lavorazioni in corso.

Accompagnati dai docenti di Costruzioni hanno incontrato il direttore tecnico del cantiere, ing. Nardon rappresentante della ditta Minozzi affidataria dei lavori.

L'ing. Nardon ha illustrato gli obiettivi generali dell'appalto e ha spiegato le caratteristiche esecutive delle nuove opere di fondazione, le tecnologie per collegare le nuove opere alle fondazioni esistenti, dando puntuali risposte alle domande degli allievi.

Cosa piuttosto rara, gli allievi hanno potuto vedere la differente modalità di ventilazione delle fondazioni, sia con il vespaio areato di vecchia concezione, sia il più moderno sistema a igloo.

Inoltre, hanno potuto vedere al lavoro una trivellatrice per la posa di micropali.

Le attività di visita, inquadrate come attività di PCTO, si sono svolte anche come occasione di riconoscimento delle condizioni di sicurezza negli ambienti di lavoro e gli allievi si sono puntualmente presentati indossando i prescritti DPI.

Contenuto in: