Tu sei qui

AIRDOLOMITI RADDOPPIA LA FLOTTA E CERCA TECNICI E PILOTI AL MALIGNANI.

StampaSalva .pdf
Sedi: 

La compagnia di origini regionali (nacque infatti nel 1991 sull’aeroporto di Ronchi del Legionari) ed ora nella galassia Lufthansa con base a Verona ha varato  in estate un piano di ampliamento che non ha precedenti ...passare dai 12 velivoli attuali a 27 entro il 2023 aprendo due nuove basi in Italia (Torino e Firenze). Il core business di Airdolimiti è e sarà, il trasporto di persone di prima mattina, dalle città italiane agli HUB di Monaco e Francoforte.
E’ così che a caccia di manutentori aeronautici, tecnici e piloti MERCOLEDÌ 23 GENNAIO lo staff tecnico di Airdolomiti ha incontrato gli allievi aeronautici del Malignani . Il Direttore tecnico ing. Marzio Caneva, l’ing. Francesco Cucuzza e la dott.ssa Barbara Chiaramonte dello staff risorse umane hanno incontrato gli allievi delle classi quinte della sezione Trasporti e Logistica Aeronautica e i gli studenti manutentori del corso DELTA dell' ITS Malignani che hanno così sostenuto i colloqui di tirocinio e di lavoro per essere operativi già dal mese di febbraio. Storicamente gli ex-studenti Malignani costituiscono il nerbo dello staff tecnico di AirDolomiti ed il Direttore Caneva lo ha ricordato ribadendo le caratteristiche di competenza e disponibilità all'impegno che caratterizzano da sempre gli studenti dell'istituto....aeronautici, e non solo!
Chiaro il messaggio ai/alle giovani: l’azienda cerca giovani interessati a vivere un'esperienza di lavoro impegnativa e gratificante ... volete essere del gruppo? Unitevi ai 622 dipendenti che già ne fanno parte...perchè qualità della relazione e del lavoro sono la nostra mission....e potrebbe divenire anche la vostra!

PS= Questa ricerca di personale conferma che il mercato dei tecnici e piloti aeronautici è in forte espansione e nei prossimi anni sono previste per Europa e Asia un grande incremento di assunzioni ....600mila manutentori e 500mila piloti nel mondo da qui al 2030!  (Fonte Airbus e Boeing)

Servizio fotografico: Paolo De Maio.

 

 

Contenuto in: